21: Fiorentina-Genoa

C'è vita in casa Genoa

Autore: 
mashiro

Dopo Genoa-Roma e gli sbandamenti della difesa rossoblu la retrocessione sembrava ineluttabile.
Due trasferte con Fiorentina e Atalanta, un mercato incomprensibile e un meritato ultimo posto hanno reso la settimana dei tifosi rossoblu difficile e portato l'umore da nero a rassegnato.
Se c'è però un uomo per cui la parola rassegnazione non esiste è Davide Nicola, lo sapevamo quando è arrivato che non si sarebbe arreso per nessun motivo e questo Fiorentina-Genoa ce lo dimostra, il Genoa è vivo.
Per la verità , i primi 10 minuti dquesto Fiorentina-Genoa sembravano il proseguimento di Genoa-Roma, bruttarelli e rassegnati, chiusi nel fortino con la Fiorentina che si rende pericolosa in diverse occasioni.
Poi il guizzo di Favilli che si procura un rigore e cambia l'inerzia del match, Criscito sfortunatamente non realizza dal dischetto calciando forte ma centrale.
Il Genoa però invece di farsi ammazzare da questo errore guadagna campo e ri-equilibra il match facendosi vedere più volte dalle parti della porta viola.
Finalmente è un discreto Genoa con Schone che cuce il gioco e i compagni che si muovono bene intorno a lui, un po' sottotono Pandev ma Sanabria chiamato a sostituirlo nella mezz'ora finale si vede ancora meno.
Clamorosa l'occasione sprecata da Pinamonti nel finale che si fa ipotizzare da Dragowsky,portiere viola che si ripete su un bel colpo di testa di Biraschi.
Sicuramente il migliore in campo. E questo la dice lunga.
Nel complesso una buona partita per i rossoblu con la difesa finalmente sul pezzo e un bel zero alla voce goal subiti.
Ai punti forse meglio i padroni di casa ma le occasioni più clamorose sono di marca genoana.
Resta il rammarico per non aver sbancato il Franchi,cosa che avrebbe giovato ai fini della classifica, visto che Spal è Brescia sono state fermate dagli avversari. E in attesa del Lecce che va a casa di Juric.
Speriamo soprattutto che questa sia la prima di una serie di prestazioni positive, giocando come oggi la salvezza è di nuovo possibile, anche se non facile.
Difficile che il mercato porti liete novelle anche se Pandev ha assoluta necessità di un'alternativa.
CHI AMA Il GENOA ODIA PREZIOSI