IL MAESTRO BRASILIANO E LA BELLEZZA DEL VOLO


Cosa vuoi che ti racconti, Maestro?
Che non c’è più poesia nel mondo e allora vuoi che ne alberghi anche solo uno straccio nel fujibol?
Che oggi la gran gnocca dal corpo dorato non potrebbe più passarti davanti sulla spiaggia di Ipanema, perché davanti al tuo bar tabacchi che guarda caso si chiamava “Veloso” non c’è più il bagnasciuga, ma un muraglione di cemento alto come la presunzione di chi ce l’ha messo nel fuleco poco a poco?
E che se pure quel figone di Helò Pinheiro, lenta e sinuosa come il biondo Miguel, ti passasse davanti in un dolce dondolarsi verso il mare, non avrebbe lo sguardo pieno di grazia e perduto nella bellezza, ma fisso su un android di merda?
Maestro, tutta la bellezza del mondo che è solo nostra, è rimasta in un tempo passato via come quella ragazza che oggi cammina veloce senza dondolii, inseguendo chissà cosa.

Passato via come Veloso (che oggi il tuo bar si chiama come la canzone e sembra un autogrill), come Diego, Thiago, Rodrigo e tutti quelli che ci hanno fatto sognare la bellezza ma non hanno avuto il tempo di sublimarla, Così ora è fossilizzata nei ricordi e se la troviamo, dobbiamo darle calore come si farebbe con un passerotto ferito, prenderla amorevolmente tra le mani e riportarla al volo.

Come dici?
Certo, sono d’accordo: la bellezza non è solo in ciò che noi consideriamo bello, non è voyeurismo fine a se stesso. A volte può essere inutile come il secondo dribbling di Fetfa, altre è inafferrabile come il pallone per De Ceglie o deve ancora sbocciare come il talento di Cofie.
Hai ragione, la bellezza è nella curiosità che ancora riusciamo a coltivare, nella fantasia che ci serve per digerire la realtà.
Ti dirò di più, oggi la bellezza è nella cultura che non è informazione, è nell’amore che non ha tempo né distanze, in quello che riusciamo a condividere con chi ci merita, Maestro. Niente di più.
E allora perché mi chiedi del mio Genoa e di questi mondiali?
Vogliamo fare i segaioli?
Questa te la regalo, Poeta, c’è un appassionato di Brasile che dice “segagrilli”.
Bella visione, vero? Peccato che non scrive più.
Per chi scriveva?
No, non per la Vanoni.
Per noi, per i livorosi.
Vabbè, te lo spiego un’altra volta.
Lo so, Maestro, la vita è l’arte dell’incontro e si può parlare anche di cose frivole o liberatorie, come la cessione a titolo definitivo di Eduardo alla Dinamo Zagabria.
La vita mica è tutta tristeza che mas ten fin, non è solo una galoppata inconcludente di Aleandro Rosi o la speranza che arrivi un nuovo pezzo di merda, magari con gli occhi a mandorla.  
Ricordi quando ti chiamavano “Du Marones”?
Okay, lasciamo perdere. Che in questo siamo bravi.
D’altronde me l’hai insegnato tu che la vita è come certe donne, magari sono gran cagne, ma nella cornice di un letto, non c’è cosa più bella.
Piuttosto, hai visto?
Hanno lasciato a casa anche Francelino.
Aveva ragione la mamma.
In vino veritas.
Io sono ancora uno che gli dispiace, uno vecchia maniera.
Pensa che al gol del Papa greco mi sono alzato dal divano e ho fatto un siparietto come fossi intorno alla bandierina, anche se tifavo Costarica.
Anche in questi mondiali me la sono sentita addosso come l’umidità di Manaus la mia genoanità.
Era sulla traversa di Pinilla al 119° e in tutti i calci di rigore.
E ora siamo fuori, tutti noi rossoblu. Mi ero aggrappato addirittura a Behrami, a Van Den Borre infortunato. Cosa? Sì, lo so che c’è Palacio, ma lui sta con una delle favorite, non fa testo.
Parliamo del tuo Brasile?
Ma come avete meritato?
Ecco che salta fuori il cazzo di nazionalismo.
No, non è retorica.
Sì, è vero, anche a me è dispiaciuto per l’Italia.
Ma sotto sotto ero contento per Prandelli e per il blocco Juve.
Molto più che per Balotelli.
D’altronde l’Italia mica è il Genoa.
Lì nonostante Gaspartame e la dirigenza, non sorriderei mai a una retrocessione, o a un derby perso. Così come non applaudo certo alla plusvalenza di Sturaro e all’affare di aver sbolognato Gilardino che, l’ho sempre detto, è odioso come la statale Biella-Borgomanero alle 6 del mattino.
Ah, la vita genoana. Che è l’arte del ritorno. Quante volte è tornato Sculli? Speriamo sia finita qui. Che quest’anno mi sa che ci tocca Borriello.
E pensare che c’era uno che odiava le minestre riscaldate.
Quest’anno oltre alla soppressata calabrese decongelata, abbiamo avuto una bagna cauda da microonde in panchina, più il mottarello Cofie che è pronto a ripartire per altre premiate pasticcerie con cui progettare insieme future Saint Honoré.
Tornando a noi, Maestro, ammetterai che il tuo Brasile non solo non ha più poesia (ma quello era inevitabile), non ha più nemmeno il colore, il samba, la passione?
E’ una cazzo di Juventus dei mondiali. Il Grifone invece può anche essere svilito e intristito dal giocattolaio, ma quella è solo la sua proiezione terrena, il suo lato lavorativo.
Il Grifone della mia infanzia, e ormai della mia fantasia malata, per gli ottavi di finale era qui a San Paolo, nel Pernambuco, a Bahia e Recife.
Svolazzava sul campo della Nigeria con Emenike e Odemwingie e forse per colpa sua hanno annullato un gol per fuorigioco di mezzo millimetro. Era con l’Algeria, barbuto e fisicato sulla fascia di Mustafi, fino a quando ha retto.
Ora non gli è rimasto molto e ha paura, come ogni anno, di doversi rituffare nel calciomercato, per poi volare fino a Neustift per affezionarsi a chi prima del 31 agosto leverà il disturbo.
Segnalo già Tachsidis, che se piace a Zeman come minimo ha la testa di Breda e i piedi di Manicone, e Ragusa, che farà finta di fare il soldatino piemontese, ma fino a un certo punto.
No, non voglio tornare nella terra delle promesse, perché come dicevi tu “eu nao tenho nada a ver com isso”. Non abbiamo nulla a che spartire con questo mondo, eppure ci viviamo. Per la vita, non per il mondo. Dici che è per lo stesso motivo che continuiamo ad essere affezionati al Genoa anche se non abbiamo nulla a che spartire con questo calcio?
O forse perché ci basta il cuore degli scarsi greci, l’abnegazione degli algerini in ramadan, l’ingenuità degli ivoriani, la gioia stremata dei costaricani. Perché ci infiammiamo per lo scatto di Robben, un dribbling di Hazard, il volo di Van Persie contro la supponenza spagnola.
Allora sai che ti dico, Maestro? Basta con la nostalgia! Chega de saudade!
Resto qui (no, non qui con te su questa pietra fredda, non preoccuparti…) anche per i quarti di finale, anche se è rimasto solo il Costarica, e per giunta gioca contro l’unica squadra che vorrei campione del mondo.
Resto qui. Che ci torno a fare nell’Italia che ritorna alla sudditanza dei prestiti, degli escamotage fiscali per non sprofondare, che è un po’ come profumare la merda per poter dire che tra un anno annegheremo sì, ma nel Cointreau. Niente più Italia, giuro!
Da Sao Paulo andrò direttamente in Austria.
Come dici? E’ un escamotage anche questo?
E che ci posso fare, se sono legato a questi due colori che sono la poesia del passato, la fantasia dell’adolescenza, che sono insieme la speranza che non muore e l’istinto ancestrale di resistere, che identificano il sogno nitido di chi ci mescola il meglio della realtà, tanto da confonderla. Questo io chiamo volo del Grifone e so che ci faresti una canzone.
Eu sei que voi te amar.
Per questo amerò sempre il calcio lo amerò sempre, non tanto per il gioco e per il nostro mondo disperato, ma perché riesco ancora a veder volare il Grifone, anche se è un volo meno aggraziato, più frettoloso, di quelli che a volte è meglio non guardare giù. Anche se non sai più dove volare, perché si stanno vendendo anche il cielo.
Perché so che potrebbe accadere il peggio, ed è ormai il male minore che anche quest’anno dovrò dimenticare ogni volto che ho collegato alla maglia perché svanirà prima ancora di diventare un bel ricordo, che sto imparando a considerare i giocatori come numeri, come figurine, per non soffrire.
Che forse non andrò più al Tempio.
Io so che ti amerò sempre, Genoa.
E’ proprio come scrivevi tu, Maestro.

Io so che ti amerò
Per tutta la mia vita ti amerò
E in ogni lontananza ti amerò
E senza una speranza.
Io so che ti amerò
ed ogni mio pensiero è per dire a te
io so che ti amerò
Per tutta la mia vita
io so che piangerò
ad ogni nuova assenza piangerò
ma il tuo ritorno mi ripagherà
del male che l’assenza mi farà
io so che soffrirò
la pena senza fine che mi da
il desiderio di essere con te per tutta la mia vita.

NOTA: Il grande poeta, letterato e paroliere Vinicius de Moraes (1913-1980) è sepolto nel cimitero Sao Baptista di Sao Paulo. E’ autore di canzoni immortali quali “Garota de Ipanema”, “Chega de saudade”, “Eu sei que voi te amar” ed almeno altre 700.
Trovandosi nei paraggi, vale sempre la pena di fare una chiacchierata con lui.

Commenti

Buonasera, visto il successo

Buonasera,
visto il successo che riscuotono certi personaggi televisivi che vendono storie e ricordi come merendine del mulino colorato mi rendo conto di quanto siano bravi Freddie, Nemesis e tutti gli amici che arrichiscono questo posto senza biscioni sotto l'ascella e senza quell'enfasi di plastica stomachevole.
Se qualcuno ha bisogno di un motivo per rimanere a contatto con il mondo del Calcio, eccone uno.

Cultura.

Senza di te non avrei mai conosciuto una figura cosi' importante per il Brasile come... Helò Pinheiro,grazie Beccioni!

Helò Helò

...e devi vedere la figlia Ticiane.
Posarono insieme nell'edizione brasiliana di Playboy...
Mamma e figlia, doppiette come quelle che facevate tu e Skiegaz negli anni dell'adolescenza.
Smile

Trovate!

Solo la copertina ma basta e avanza smiley Si potrebbe mettere al posto della foto di 'sto maestro che non se lo fila nessuno cool

Solo la copertina?

il primo link che mi segnala Google offre ben più della copertina Love

C'è anche il lenzuolino?

C'è anche il lenzuolino? Smile
 
(e con questa si chiude il sipario sull'allegra compagnia dei cazzari. Vinicius sarebbe fiero di me)

Grandiosi sprazzi di poesia e

Grandiosi sprazzi di poesia e commozione sincera , bravo Freddie
hai citato anche il guru che si deve essere commosso ed è riapparso improvvisamente sul muretto
grandiosa anche l'idea di dialogare col grande luis vinicius de menezes al quale forse potevi chiedere notizie su qualche giovane talento verde oro da portare al genoa, ma va bene anche così Smile

De Menezes

Grazie Tidon,
L'ho fatto, l'ho fatto...ma Luis Vinicio mi ha proposto Eneas De Camargo e Renato Portaluppi per sostituire Gilardino, giurando che ancora oggi sono meglio di Matri. Sulle prime non gli ho creduto. 
Adesso ci provo con Luis Vinicius Capossilas, magari mi porta un suo cugino...
Smile