Re:Re:Stadio

La questione mi ricorda il modo di dire sui comunisti. Parafrasando: chi non ama il Ferraris è senza cuore, chi non accetterebbe uno stadio moderno di proprietà è senza testa.
 
In quel posto ho ricordi indelebili, sia sui vecchi gradoni di cemento e ferro della vecchia struttura che sui seggiolini lerci di quella attuale.
 
Lo tirassero giù per rifarlo, "quel posto" rimarrebbe com'è rimasto nel '90. Ma per decongestionare il tutto, l'unico modo è tirare giù le carceri. Diversamente meglio altrove fermo restando il magone.
 
Prima o poi deve succedere (in un modo o nell'altro) e non solo per questioni bilancistiche ma perché, pur essendo passati trent'anni, ne dimostra trecento. Piangerò e celebrerò in ogni caso ed i ricordi verranno con me nella tomba.
 
Non confondo la malinconia con la retorica. Concordo con Layos sulla genesi della posizione più oltranzista.
 
Basta non confondere la modernità con la violenza dell'impianto stereo sopra le voci o il mercimonio all'americana della partecipazione che non riguarda la comodità ma il vilipendio del modo europeo, italiano e genoano di vivere la partita.
 
Fuori facessero un po' cosa vogliono...a me piacerebbero il museo e lo store parte del complesso sicuramente da privilegiare rispetto a ristoranti e bibitari.
 
 

Risposta al post di layos scritto il 22/09/2022 - 15:09
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto