Re:Re:Ciao Mimmo e a presto qualche acquisto

Il problema è che una dichiarazione del genere l'avrebbero letta tutti come "non vogliono andare da nessuna parte", io per primo Smile
Mashi e Mister No hanno ragione entrambi, non conviene sbandierare slogan perchè è la via più diretta per sentirseli rinfacciare se qualcosa va storto, anche se tu hai fatto il possibile, ma d'altra parte i fatti, per una mente che funzioni, sono già una dichiarazione di intenti.
Se fai la squadra della Cremonese, puoi avermi detto tutto quello che vuoi su progetti, soldi, investimenti, che so già che non vuoi andare in serie A, il che non significa che lavori male, infatti, se ti va tutto bene, coi prestiti, coi giovani, con giocatori di valore anche se non ancora riconosciuto dai più, raccogli subito i frutti, come è successo, ma la A non era un tuo obiettivo.
Se faccio una squadra come Preziosi, piena di trentenni giocatori di bassa serie A, Sottil, Cozza, Gargo, Zanini, Tedesco, Caccia, Stellone, Lamacchi con i vari Lamouchi e Milito, l'obiettivo non solo è chiaro, ma è anche un all-in, non posso permettermi di fallire visti i costi e l'età della squadra, che tra l'altro dovrò cambiare in larga parte una volta in serie A.
I 777 non faranno nè la Cremonese nè il Genoa di Preziosi, io credo che in certi ruoli ci sarà anche qualche certezza mediatica, in altri semplicemente una certezza tecnica che scopriremo sul campo, perchè sconosciuta ai soliti canali di fruizione calcistica, e qualcuno lo sbaglieranno anche, amen, ma se parti con una squadra completa, con addirittura riserve gente che altrove sarebbe titolare, e succederà, non puoi nasconderti.
E chi, di fronte a una squadra così costruita, che non centrasse l'obiettivo, avesse da ridire, lo farebbe o perchè è il solito ottuso che giudica solo il risultato, o perchè non vedeva l'ora ed è stato a gufare tutto l'anno sperando finisse male per poter aggregare il malcontento su posizioni a lui utili.
 

Risposta al post di edoardo777 scritto il 27/06/2022 - 16:44
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto