Re:Re:Algoritmo for dummies

Ciao,
Spors ha una carriera almeno ventennale nel calcio tra l'altro solo in Olanda da DS, prima era un talent scout, farti l'elenco dei calciatori che ha preso lui è complicato sarebbe come farti l'elenco dei calciatori che ha preso Sartori per dire.
Posso però dirti di andarti a ripescare il doppio confronto Roma-Vitessse. La squadra è la sua e del suo vice-Klos.
Per quel che ricordo del doppio confronto il Vitesse ha tenuto testa alla Roma meglio in Olanda che in casa dei giallorossi ma comunque non una brutta squadra, costata zero e con alcuni elementi interessanti(Bazoer su tutti).
Facendo anche la debita proporzione che la Eredivise non è esattamente un campionato super competitivo e il Vitesse non esattamente un top club super attrattivo. Tanto per dire Gudmunsson che era in una squadra non tanto meno blasonata del Vitesse a Genova ci è venuto di corsa nonostante il penultimo posto.
L'altra cosa è che questa visione dell'algoritmo come guardo delle statistiche e poi non so manco chi sia il calciatore che ho preso, è una fantasia che vi han messo in testa i giornalisti italiani. Sembrate gli scout di Moneyball  quando Brad Pitt arriva a spiegargli le nuove metodologie Smile
Spors ha detto nella sua prima intervista italiana che per lui è fondamentale vedere i calciatori, conoscere i calciatori de visu e parlarci. Nell'intervista post mercato, in cui ha detto che è stato difficilissimo ha anche detto che lui ha preso *solo* calciatori che già conosceva dicendo che tizio, caio e sempronio li teneva monitorati sin dai tempi delle giovanili(Piccoli dall'U17, Frendrup dal suo esordio, Gudmunsson giocava nel suo campionato, Amiri dove lavorava fino a 2 anni prima...).
Può essere vero come no, ma è ben diverso da dire i calciatori leggo le statistiche su transfermarkt e guardo due video su youtube.
Che sono la versione riassunta dei dati che fornisce wyscout.
Poi se guardi le statistiche di transfermarkt e due video su youtube il valore di Ekuban lo becchi subito(infatti io e GdO lo avevamo già bello che battezzato), più difficile capire quello di Frendrup, tolto il fatto che il supporto dei tifosi per un ragazzino di 20 anni era pazzesco e fa ben sperare per la sua maturazione.
Uno dei motivi per cui Spors, giustamente, dice che non è solo questione di statistiche è che nel calcio contano le motivazioni: ieri parlavo di Trincao come colpo ammazza campionato, se guardi il CV non hai dubbi, però magari è il classico che si presenta in ritiro 5-6 kg in più, si rompe o magari scende in campo ad Ascoli con lo scazzo o quelle robe lì e invece di essere determinante e di farti fare 100 punti son più le partite che ti fa perdere perché giochi uno in meno.
Quello che ti forniscono gli algoritmi e i big data sono anche statistiche diverse da quelle che balzano di più agli occhi: cominciano a essere diversi gli esempi nel mondo di queste cose.
Tanto per rimanere in tema tedeschi, qualche anno fa quando in Italia di numeri non se ne parlava quasi ancora, era uscito che una squadra di un campionato nordico, mi pare il Bodo o forse il Molde, faceva un botto di goal su rimessa laterale merito di un preparatore specializzato che studiava degli schemi specifici. Klopp a fine anno ha aggiunto questo allenatore allo staff e seppur con impatto minore perché la Premier è un campionato più di alto livello anche il Liverpool ha migliorato sensibilmente quel dato.
Altra storia interessante: sempre uno di questi club di questi campionati "minori" una squadra che boh non ricordo ma google sa la risposta se ti interessa, è stata costruita andando a guardare l'impatto di un certo calciatore su stastistiche secondarie. Per esempio quanti xG(expected goal, le occasioni da rete) creava su punizione indiretta dalla distanza, quanti xG da rimessa laterale o quanti Km percorsi a una certa velocità, quanti palloni recuperati in una determinata zona o facendo pressing in un certo modo...
Facciamo l'esempio semplice delle punizioni: se tu prendi Juninho Penambrucano 2.0 costa una cifra che per un club anche solo come il Genoa in serie A è inarrivabile, il miglior battitore di piazzati del campionato italiano, direi ad oggi Lorenzo Pellegrini, è comunque inarrivabile per il Genoa ma magari nel Venezia c'è uno che non segna mai, ma da 30 metri mette delle pennellate che spesso diventano occasioni da goal: quel calciatore lì tu lo puoi prendere e il suo impatto può portarti qualche punto magari in combinazione con un difensore come Ostigard che nel gioco aereo è un fenomeno.
Resto su Ostigard per dirti  come, secondo me, funziona l'acquisto di un calciatore tramite algoritmo: Ostigard è un difensore fortissimo nel gioco aereo, con una discreta progressione, fisicamente molto forte e quindi regge bene il contrasto con l'attaccante quando ha il contatto con lui, soffre di più se lo punti.
Per come gioca il Genoa con la squadra che pressa altissimo e si allunga Ostigard si trova sempre a fare le sportellate con il centravanti su palla alta quindi ci deve dar di testa o deve andare a contrasto correndo in parallelo facendo valere la sua fisicità. Non lo puntano quasi mai palla per terra con lui che deve temporeggiare e scegliere il tempo dell'intervento. Il che massimizza le sue prestazioni e minimizza i suoi errori.
Al contrario questo tipo di gioco sfavorisce difensori come Masiello e Vasquez che sono centrali più bravi a difendere se puntati frontalmente, forti nello scegliere il tempo di intervento.
Ora ovviamente non è che con questo metodo i calciatori non li sbagli mai, ci sono mille fattori.
Dagli infortuni, ai motivi personali, al banale adattamento al clima e ai metodi di allenamento o ai ritmi.
De Lijgt che non è esattamente un ragazzino a caso pescato da un club del terzo mondo calcistico, diceva che per lui era stranissimo persino il fatto che la gente fosse felice di vincere 1-0 con delle squadre di medio-bassa classifica, all'Ajax era abituato che se faceva meno di 4-0 era un problema. Figurati i ritmi degli allenamenti, il cibo o il fatto che la Juve abbia più tifosi che la nazionale olandese.
E parliamo di uno che è passato da Amsterdam a Torino per cui comunque i problemi climatici sono minimali.
Tu pensa che botta è per uno come Frendrup che passa da Copenaghen a Genova. Cambi campionato, livello di squadra, allenatore, lingua(tra l'altro in una babele perché sei in Italia da danese, con l'allenatore tedesco) tutto questo a 20 anni. In più ci aggiungi i fattori ambientali dal banale clima che a Copenaghen di questi tempi non me lo immagino esattamente sole e 28 gradi a mezzogiorno.
Detto questo se mi parli di Sabiri e lo paragoni con Gudmunsson bisogna anche che consideri la differenza di età(Albert è più giovane di un paio d'anni), il costo dell'operazione(1,5 contro un prestito con obbligo in caso di salvezza sopra i 4)  e l'ingaggio(che sono sicuro sia più alto nel caso del doriano anche senza controllare). Ma anche al differenza di situazione, scenario e obbiettivo: per la Samp salvarsi era di vitale importanza, per il Genoa la priorità era ed è risanare i conti.
Detto questo Gudmunsson è arrivato perché Kacavenda ci ha rifiutato per non finire in B, è stato l'acquisto dell'ultimo giorno e da come ha parlato Spors penso che sia una delle ultime volte in cui vedremo il Genoa operare l'ultimo giorno di mercato. In ogni caso non esattamente la primissima scelta di Spors.
Nessuno di noi è felice di retrocedere, nessuno di noi è felice di andare ad Ascoli e nemmeno di farselo menare dai colleghi doriani quindi capisco bene sia il nervoso però non è mischiando mele e pere che si risolvono le cose. Serve ora più che mai calma.
Una ulteriore considerazione.
Portanova non è figlio di nessun algoritmo: ha 5 anni di contratto a poco meno di 1 mlione, una valutazione monstre(secondo me 10 milioni ma poco importa) e un processo pendente per stupro che potrebbe essere un tombale per la sua carriera. L'unica cosa che ha potuto fare Spors è tenerselo.
Come lui Melegoni, che è in prestito con obbligo di riscatto e immagino non ci fosse la fila per rilevare l'obbligo, tra l'altro non voglio immaginare che contratto gli ha proposto Faggiano.
Per esempio da Bielfield è tornato Czyborra che ha condizioni di contratto simili, Preziosi lo aveva sbolognato in estate(perché lo staff gli ha preferito Cambiaso) ma dalla Germania han fatto sapere che non lo avrebbero riscattato e almeno è stato usato come traduttore per Amiri ma anche per Blessin. Visto che tra l'altro è stato rotto tutto il girone di ritorno.
Purtroppo per qualche tempo le scorie di quel che è stato il passato ce le porteremo dietro.
Tocca anche giudicare Spors in base a questo e considerare che certe scelte sono figlie di determinate situazioni contingenti e di un periodo di transizione che avendo circa 80 giocatori da gestire non sarà nemmeno brevissimo.

Risposta al post di valt76 scritto il 17/05/2022 - 04:19
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto