Risultatisti di tutto il mondo, unitevi!

Autore: 
layos

Venite pure avanti poeti sgangherati
Inutili cantanti di giorni sciagurati
Buffoni che campate di versi senza forza
Avrete soldi e gloria, ma non avete scorza

Quel che doveva succedere, è successo. Abbiamo danzato per anni sul ciglio del burrone e alla fine ci siamo caduti dentro. Era un fatto ineluttabile, purtroppo la sterzata che avrebbe potuto risparmiarci questa caduta è arrivata troppo tardi. 

Ora, come sempre, saltano fuori dalle fosse i tanti, troppi profeti del "te l'avevo detto", gente che non è abituata a guardare 10 centimetri più avanti rispetto alla punta delle proprie scarpe, in un mondo che è dominato unicamente dal dio risultato.

Abbiamo chiesto, supplicato, implorato per anni una società che finalmente avesse un progetto, una visione, un programma a medio lungo respiro e, ora che finalmente ce l'abbiamo (per lo meno nelle intenzioni, noi dovremo essere vigili a valutare i fatti) c'è chi avanza la pretesa che oltre ai progetti ci siano risultati immediati, nonostante le macerie ereditate.

Se qualcuno avesse dei dubbi, riguardo a questo fatto, ricordo alcuni punti salienti del recente passato. Negli ultimi dieci anni non abbimo mai (MAI!) ottenuto la licenza UEFA, che è il criterio per il quale è possibile accedere alle competizioni continentali ed è diretto discendente della salute dei conti socetari. Siamo da anni nella top 10 delle squadre europee che fanno più plusvalenze, ovvero che guadagnano più denaro dal mercato, eppure abbiamo un debito consolidato di 280 milioni di euro. Abbiamo il record mondiale di calciatori impiegati in una singola stagione. Siamo stati la squadra con il più elevato turn over di giocatori d'Europa per dieci anni consecutivi. Escluso l'illicenziabilie Capuzzocca e Gasperini, l'unico che ha fatto qualche risultato rimarchevole nei 20 anni del predecessore, nessun dirigente è durato più di un anno, nessun allenatore, ripeto *NESSUN ALLENATORE* che non fosse Gasperini ha iniziato e concluso la stagione.

Quando il giovane Mattia Perin venne mandato in prestito due anni a Padove e Pescara per farsi le ossa, dopo il titolo di campione d'Italia primavera, al suo ritorno a Genova il cento per cento dei calciatori che aveva lasciato in prima squadra quando era ragazzo, cento per cento, erano cambiati. L'unico ancora in rosa era Kucka, ma solo perché l'Inter non lo aveva riscattato.

Di fronte a questo scempio indecoroso, a questa gestione scellerata e criminosa, la permanenza in A, con qualunque mezzo, era l'unico modo per continuare a sopravvivere e perpetrare questa lenta agonia, senza prospettive e senza costrutto, senza capo e senza coda.

Con l'arrivo della nuova proprietà, almeno per ora, sono arrivati progetti, acquisti di giocatori giovani, di prospettiva e di proprietà. Il nuovo corso, iniziato con l'arrivo di Spors e Blessin ha portato ad un cammino magari non travolgente ma più che decente (questa la classifica relativa al solo periodo Blessin):

 

Il tutto dopo aver ereditato una squadra cotta, che aveva fatto 10 punti in un girone, figli di una sola vittoria, per altro rocambolesca, con il Cagliari.

Certo il Genoa avrebbe potuto continuare come ha sempre fatto, imbottirsi di ultratrentenni di categoria, vecchi marpioni esperti e cazzuti che, in cambio dell'ultimo contratto pesante della carriera, avrebbero magari portato qualche risultato nell'immediato, ma andando  poi ad ingrossare, come nella gran parte dei casi è capitato, il cimitero degli elefanti dei giocatori non più utili a niente, non più parte del progetto tattico e tecnico, fuori rosa, in attesa di qualcuno che fosse disponibile a farsi carico dell'onerosissimo emoulmento. Con ulteriore aggravio dei conti e dei debiti.

Non tutti i giocatori presi da Spors hanno reso secondo le attese. Forse con Blessin non abbiamo visto un gioco spumeeggiante e offensivo. Pace. Non è questo che ci aspettavamo da loro. Ci aspettavamo di gettare le fondamenta di un progetto a medio respiro, in cui far venire fuori una squadra, con uno stile di gioco, con 8-9 giocatori che ne costituiscono l'ossatura per i prossimi 4-5 anni.

Se qualcuno pensava che questo si potesse fare a gennaio, costruendo sulle macerie, beh, anche io vorrei vincere allla lotteria e smettere di sentire la sveglia al mattino, ma diciamo che non è la più probabile delle ipotesi.

Questo, si badi, non vuol dire che Spors sia il migliore dei dirigenti e Blessin il migliore degli allenatori e che Yeboah, Amiri, Frendrup, Hefti, Gudmundson e compagnia siano stati i migliori degli acquisti. Non vuol dire che va tutto bene, ma vuol dire che quando si costruisce qualcosa, bisogna dare a tutti il tempo di mostrare di cosa sono capaci.

Io non ho nessun dubbio che la squadra uscita dal mercato di gennaio, compreso lo staff tecnico, sia la base su cui ripartire il prossimo anno. E penso invece che le uscite a caldo, di pancia, da tifoso incazzato, del presidente Zangrillo, siano state quanto meno improvvide. In un momento in cui bisognerebbe predicare calma e sangue freddo, un inutile cupio dissolvi, falsamente autoaccusatorio, visto che tutti sanno bene che decisioni tecniche lui non ne ha prese.

Mi domando se nel suo lavoro, quando qualche intervento non salva il paziente che cura, poi si fustighi davanti ai parenti dicendo che ha sbagliato oppure che, data la situazione, fatto tutto il meglio possibile, poi l'esito non è stato quello sperato. Chissà perché le persone tendono a non applicare mai al prossimo quel che vorrebbero applicato a se stessi.

La mia cambiale in bianco a Spors e Blessin è ancora li. Poi a maggio del prossimo anno, se avremo fatto un disastro, allora sarò pronto a dire che non erano le persone giuste per gettare le basi del nuovo corso e pazienza, arriveranno degli altri e avremo buttato via un anno.

Roma non è stata costruita in un giorno, ma nemmeno in sei mesi.

Commenti

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo stile preferito per la visualizzazione dei commenti e clicca "Save settings" per attivarlo.

Grazie

Grazie Layos, semplice, lineare, perfetto.
Per quel che mi riguarda l'assegno in bianco ha durata ben più lunga di un anno: io avrei firmato per ripartire dalla D pur di liberarmi del giogo fingiochi. Questo perché, valutata la mia età e quella dei figli, ero rassegnato a morire preziosiano.
Un primato comunque ce l'abbiamo, siamo i primi per i quali prexit non ha significato fallimento. Ma davvero per un pelo.
E io mi godo il ritrovato piacere dello stadio e di tornare a parlare di calcio.

Sul fatto che é troppo presto

Sul fatto che é troppo presto per dare giudizi sulla nuova proprietà *in generale*, non c'é dubbio e non c'é nemmeno bisogno di pensare che l'intento di chi muove una critica sia quello. Ma sul fatto che sia stato fatto tutto il possibile per non retrocedere, beh mi dispiace ma non condivido. La squadra costruita da Preziosi era disastrosa e quello che ho visto io nel girone di ritorno é stata una squadra leggermente meno peggio del girone d'andata ma con sempre enormi dificoltà a creare gioco e occasioni da gol. L'unica partita che abbiamo vinto convincendo secondo me é stata quella con il Torino perché con il Cagliari abbiamo faticato tantissimo e, contro la Juve, il rigore non c'era.
Detto questo, proprio perché credo che la nuova proprietà abbia delle potenzialità, é giusto sottolineare quando vengono fatti degli errori in modo che non vengano più ripetuti in futuro.

Il rigore con la Juve è

Il rigore con la Juve è l'emblema dei rigori.
Lo raccontano alle scuole calcio.

Prima di tutto, grazie Layos

Prima di tutto, grazie Layos per questo post e per i precedenti. Non ho idea di quanto sia letto il muretto anche da chi mai scrive, ma comunque, in un momento delicato come questo, è fondamentale che vi siano voci pulite.
Non si tratta di semplici opinioni diverse.
“La storia è la memoria di un popolo, e senza una memoria, l'uomo è ridotto al rango di animale inferiore.” diceva Malcom X.
Considerare la situazione del Genoa come quella delle altre società di calcio e confrontarne i risultati, le azioni e le decisioni, significa ,non avere memoria, averla cancellata o, ancora peggio, essere in malafede.

È sufficiente leggere le locandine di stamani del famoso quotidiano genovese, con a caratteri cubitali l’inizio del processo a Spors e Blessin.
Ianna probabilmente mi diresti che siamo abituati a ben altro riguardo la stampa italiana e su argomenti di estrema importanza ed avresti ragione. Come avevano ragione Mahiro( con cui, a suo tempo concordai sul tema) e Mister No nel prevedere quel che accade.
Accade perchè siamo retrocessi? La retrocessione è solo l’atteso pretesto di un sistema che, dai proprietari, ai procuratori ai giornalisti/opinionisti di sta fava,vuole sopravvivere e perpetuarsi, come tutti i poteri.
Il progetto dei 777 ( unire il fascino ed il seguito di Società storiche al business), l’idea di calcio di Spors e Blessin sono altro rispetto a questo sistema marcio ed oggi sono un fastidio, un intralcio.

Detto questo,i 777, Spors, Blessin,in futuro potranno anche sbagliare tutto o quasi e fallire, ma sarebbe opportuno ed intelligente lasciargli almeno il tempo di deluderci.
Oggi processarli per la retrocessione non è una semplice opinione, è stupidità, malafede o entrambe le origini del problema.

Infine l’aspetto più grave, in quanto derivante dall’interno della Società e non dall’esterno, ovvero le esternazioni di Zangrillo.
Il personaggio non mi è mai piaciuto per diversi motivi.
Probabilmente è stato indicato ai 777 dal precedente proprietario o da qualcuno del genere come “genoano noto e prestigioso” e pertanto adatto a ricoprire una carica presidenziale che in una Società normale è semplicemente onoraria.

Invece le dichiarazioni assomigliano molto a quelle del suo predecessore nella carica presidenziale. Retoriche, fuori luogo e false. La squadra ha fatto sempre quello che poteva e Blessin ci ha consentito una retrocessione dignitosa ( parlano i numeri della classifica parziale dal suo arrivo) ed altri aspetti di una ritrovata passione.
Un voler distinguersi dalla squadra, dal tecnico, da Spors,entrare in questioni che non gli competono, con un tentativo di demagogia d’accatto e pericolosa, perchè “ voce di un vero genoano”.

Personalmente mi auguro che i 777 abbiano compreso bene chi hanno eletto in quel ruolo e, magari non ora ( sarebbe il momento sbagliato) lo ringrazino e lo salutino.
Diversamente questo “vip” costituirà un problema per la stabilità societaria, perchè è pienamente dentro quel sistema di cui scrivevo sopra.

Chiudo con il famoso “resistere, resistere, resistere”, perchè la resistenza è già ricostruzione.
Ieri sera sentivo urla di giubilo dalle finestre di alcuni simpatici vicini ( “Serie B, merde!),ma ero sereno, sono sereno, neppure infastidito e mi è pure uscito un mezzo sorriso che probabilmente voleva significare “ ci rivedremo presto, molto prima di quanto pensiate e speriate!”

il presidente e alcune considerazioni

Buon giorno a tutti voi che mi leggete,
mi associo anch'io su quanto scritto da Layos e complimenti per avere riportato le bellissime strofe del grande Guccini. Concordo in tutto con il post di Namaskàr e condivido i pericoli che possono derivare dalle dichiarazioni di Zangrillo. Devo confessarvi che l'investitura del Professore non mi ha mai entusiasmato, pur ricoscendo la sua fama di studioso e professionista della medicina, ho sempre considerato tale scelta divisiva per la nostra tifoseria.  Mi domando dove era e cosa abbia mai detto Zangrillo durante l'era del Borbone, con il quale, mi risultano periodiche frequentazioni allo stadio e anche fuori. Possibile che non si sia mai accorto dei "tradimenti" che l'ex proprietario ha riservato alle speranze ed ai sentimenti dei tifosi genoani ? Ora bene, io ho sempre creduto che in politica la retorica avesse piena cittadinanza e lo constatiamo quotidianamente, ma francamente in una vicenda così complessa e dolorosa come la retrocessione ne faremmo volentieri a meno. E poi, un presidente deve articolare delle tesi sensate e non dire alla gente quello che tutti vogliono sentirsi dire. Siamo alle banalità, non è altro che demagogia pura.  Altro che sassolini, questo si è tolto delle pietre dalle scarpe! Per quanto riguarda il prossimo campionato, sono d'accordo di mantenere alcuni giovani acquisti che ancora non hanno, per diverse ragioni, dato il meglio di se stessi. Va sfoltita sensibilmente la vecchia rosa con ingaggi elevati per la cadetteria. Vorrei vedere finalmente un portiere che esce e non più un gatto di marmo. Per quanto riguarda il centrocampo e attacco, non mi piacciono le preclusioni etniche e se uno vale, Kenia o Finlandia poco importa. Certo che per la B, si potrebbe trovare qualcosa di buono, oltre che in Italia, anche nei campionati iberici in particolare nelle squadre portoghesi, dove ho notato alcuni giovani veramente interessanti. L'unica cosa che temo e che ritengo distorsiva sono gli "algoritmi", speriamo bene....
Un saluto a tutti, sempre GENOA.   

Bravo Layos, bravo. Magari

Bravo Layos, bravo.
Magari ragionassimo tutti così.
Anzi ti dirò di più e faccio ammenda e chiedo venia a Mashi che in tempi non sospetti, aveva previsto tutto compreso la pioggia di merda che potrebbe e starebbe già cadendo.
Io ho pronto il numero dell'Espurgo Fogne.
IannA

Belin

Mashi alla pioggia di merda aveva dato il via lui Smile, scatenandosi sul fallimento di Spors, sui frilli e sul vediamo quanto durerà Blessin dopo la retrocessione a fine anno, l'abbiamo raddrizzato a suon di baccate Laughing out loud Tongue ma è ancora lì che freme Smile, adesso attacca pure con la conferma di Criscito, per l'amor di Dio Laughing out loud

Mashi le ha dette quelle cose

Mashi le ha dette quelle cose esattamente perché prevedeva cosa sarebbe successo se non fossero andate sufficientemente bene le cose. Wink Invece su Criscito il mio non è un auspicio ma conosco i miei polli, se te ne esci che vuoi rimanere e che l'accordo con la società si può trovare vuol dire che tendenzialmente l'idea loro e del mister è quella di confermarli. Non sarei stupito se ci fossero già tuttel e bozze di accordo anche con Spors.

:-)

Visto che conosci bene i tuoi polli non fare da chioccia Laughing out loud

Dici che il 4 l'anno prossimo

Dici che il 4 l'anno prossimo cambia proprietario? Io dico di no.
Purtroppo aggiungo.

Vedrai

Tranquillo, Domenica gli fanno la festa di addio a sua insaputa come a Totti e Del Piero, tutti gli onori e fuori dai coglioni Smile

Se va bene torna Gasperini.

Se va bene torna Gasperini. Tongue

Anzi ti dirò di più e faccio

Anzi ti dirò di più e faccio ammenda e chiedo venia a Mashi che in tempi non sospetti, aveva previsto tutto compreso la pioggia di merda che potrebbe e starebbe già cadendo. 
Lo avevo previsto pure io anche se non mi consideri Smile .Non e' che me ne faccio un vanto era previdibilissimo che accadesse questo non ci volevano degli scienziati a prevederlo ,non so invece tu che cosa ti aspettavi che succedesse di diverso.
Che tutti scrivessero quello che ha scritto Layos? Sarebbe bello ma e' utopico.
Anzi sinceramente credevo molto peggio.Il muretto ad esempio lo trovo ottimo in questo frangente.
 
DAGGHE ZENA!

Io ti faccio considerare

Io ti faccio considerare dalle 1950 in poi tutte le sante sere con quella pesantezza umana,di chissà quale città ,su chissà quale rete nazionale Smile.Ti ga ragion Smile

Sappi che hai preso il posto,indovina un po' di chi, quando si scornavano tra di loro sul filo dei secondi,fino a quando a casa è arrivatao il pacco del gioco in regalo a mettere a tacere tutto.

Mashi è un fiume in piena:
Non conosce ostacoli e come si dice a Napoli," chi coglio coglio" Smile

Le Crociate Sabatiniana non si contano e fanno già Storia.

Ora spero di non leggere la Beatificazione di Nicolino sparring partner e la firma sotto la petizione pro Perotti che a Pesciolandia sta cominciando.

Su Zangrillo serve un dibattito parlamentare.
Appena Draghi parla in Parlamento dell'Italia in guerra,sono certo che il Copasir indagherà sulle sue improvvide dichiarazioni a virus non clinicamente morto.
IannA

Esatto

Concordo appieno. Bisognerà vedere se avranno la forza di tirare avanti senza curarsi di quanto accade attorno a loro. Se la città rossoblu mostrerà la maturità di capire che la linea è quella giusta

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo stile preferito per la visualizzazione dei commenti e clicca "Save settings" per attivarlo.