Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

addirittura Rovella che non è tuo
 
Non ho niente contro Rovella, che è un ragazzo che si impegna e che tecnicamente ci sta tra i quattro o cinque migliori centrocampisti in rosa.
Ma vogliamo parlare dello spessore di questo benedetto centrocampo che a Spezia, uscito Behrami e calato Badelj, è letteralmente evaporato?
 
Rovella corre di qua e corre di là, si fa dare palla tra i piedi, spesso addirittura intralcia chi la sta calciando, ma non gioca mai di prima o a due tocchi.
In termini di tempistica, nel palleggio o in uscita, significa molto.
 
Se poi ci metti vicino un Touré, che gioca sempre di prima e quando imposta uno scambio non la riceve mai indietro perché l'altro sbaglia lo stop o prova a portarla, la stonatura è evidente. Ma la gente dà del brocco a Touré, non a Cincischielli.
 
L'apporto di Rovella come play basso è migliore perché il play basso è l'unico ruolo del centrocampo che consente di tenere palla tra i piedi un po' più a lungo e pensare.
(Aspetto sempre con ansia di vedere finalmente un centrocampo. Galdames, Badelj, Touré).
 
Ma se stiliamo la lista dei giocatori titolari incapaci di giocare di prima o a due tocchi si capiscono molte cose.
Kallon, Biraschi, Bani, Sturaro, Behrami, Cambiaso, Ghiglione, Fares. E ci possiamo aggiungere Pandev, non per incapacità ma per mentalità, e volendo anche Ekuban che, poveretto, ci prova invano perché la palla che vorrebbe scambiare non è riuscito a controllarla.
Il manuale del calcio dice che se non avanzi con triangoli e scambi ti rimane solo la soluzione di un bel calcione in avanti, vada dove vada.
 
Ballardini è fortunato a non avere i capelli, così non ci può infilare le mani per disperazione. Le tiene in tasca e con quel che passa il convento calcola quanto gli conviene investire l'ingaggio in bitcoin.
Mica puoi fare poesia con gente simile.
Come direbbe il Professore: "Io non faccio poesia, io monetizzo".

Risposta al post di Grifondoro70 scritto il 27/10/2021 - 20:50
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto