LA VOLONTÀ PIÙ DELLA QUALITÀ

Autore: 
edoardo777

PERIN 6: presente al 33° sul tiro di Orsolini sotto la traversa, gestisce bene il finale e regala sicurezza alla difesa nei momenti più confusi.

MASIELLO 6,5: presidia con l'aiuto di Criscito la fascia sinistra, dove il Bologna spinge molto nel primo tempo. Molto meglio nella difesa del doppio vantaggio, situazioni in cui si esalta..

RADOVANOVIC 6,5: la sua migliore partita da quando gioca al centro della difesa. All'inizio si avventura anche in attacco.

BANI 6: poco tranquillo nel primo tempo quando il tourbillon delle mezze punte bolognesi lo manda spesso in confusione. Meglio nella ripresa, sfiora anche il gol di testa. Ma i piedi sono quel che sono.

ZAPPACOSTA 6,5: ancora una volta gioca a destra e poi a sinistra. Appena può si lancia in verticale. Da una sua brutta conclusione nasce il gol di Zajc.

BEHRAMI 5,5: il solito difetto di accorciare in ritardo facendosi saltare. Lo Zio lo sostituisce ala fine del primo tempo e fa bene.

BADELJ 6,5: primo tempo scolastico, secondo tempo di grande quantità per ricupero di palloni e aiuto alla fase difensiva.

ZAJC 7: finalmente una prestazione di qualità e quantità, premiata con il gol. Non si risparmia, sbaglia il giusto che deve sbagliare chi tocca molti palloni e stanel vivo del gioco.

CRISCITO 6: un tiro in porta al 10°, per il resto bloccato nella fase difensiva dove imperversano Orsolini, il giapponese e dove spesso bazzica Palacio. Se la cava bene. Subisce un paio di colpi e non rientra nel secondo tempo.

SHOMURODOV 7: manca di esperienza nei contrasti, ogni tanto pasticcia, ma è quel tipo di giocatore che prova sempre a fare qualcosa di importante e con un paio di giocate è in grado di rivoltare la partita. E oltre tutto lavora tanto.

DESTRO 7: sbaglia un gol facile al primo minuto dopo un bel controllo, ne segna uno facile nel secondo. Merita di salire sul podio dei migliori non tanto per il gol quanto per l'impegno e la convinzione. Un attaccante trasformato.

STEEVE sv: lo Zio lo manda in campo a sorpresa. Credo che la fascia mediana destra debba essere sponsorizzata da un coiffeur. Infatti toglie lo svizzero ossigenato per metterci il francese con le treccine. Fa il pressing che favorisce il gol di Destro. Per il resto, stendiamo un velo prezioso ed evitiamo di dare un voto pesante. Giustamente Ballardini corre ai ripari e lo toglie.

GHIGLIONE 5,5: si dà da fare in copertura con innegabile generosità, ma non può mettere pezze ai ripetuti buchi del giovane francese. Ma nemmeno dopo l'ingresso di Lerager riesce a dare sostanza alla sua prestazione.

LERAGER 6: fa il compitino nell'assedio finale, come sempre senza brillare.

PIACA 5,5: entra per dare una mano nel pressing alto essendo fresco, ma non fa nemmeno quello.

MENEGONI sv: pochi minuti per fare respirare Destro.

BALLARDINI 7: fa il minestrone con quello che trova in dispensa. Consolida la difesa con la coppia Masiello-Criscito sulla fascia sinistra e si affida alla profondità garantita dall'uzbeko. Lucido e intelligente nel rimediare all'errore dell'inserimento del giovane francese dopo averlo visto in totale confusione. Non si prende il merito dei punti guadagnati, ma ripete che il gioco latita e che c'è bisogno di ulteriore qualità nella costruzione della manovra. Però intanto la squadra è diventata una squadra e non so se abbia anche qualche merito nella resurrezione di alcuni giocatori in crisi di fiducia.