Re:Re:Pjacare

Sinceramente non credo che Balotelli faccia al caso nostro.
 
Confesso una cosa.
Dopo una fase iniziale in cui lo odiavo come rappresentante di un mondo di valori artificiali, gradualmente Balotelli mi è diventato simpatico.
È un parente stretto di Paperino.
Aveva un'autostrada liscia e diritta per arrivare all'Eldorado ed è riuscito a sbandare in rettilineo, forse perché è scemo, forse perché si annoiava di avere tutto così facile.
Alla fine preferisco un ragazzo così, che butta i suoi tesori nel cesso per seguire il suo istinto, piuttosto che il soldatino ligio al sistema e osservante dei consigli di chi lo circonda.
 
Intendiamoci, non lo ammiro come si ammira chi coscientemente propone valori e si scontra col sistema per affermarli.
Niente di tutto questo.
In questo senso Supermario è più un Tyson che un Muhammed Alì, un genio dello spreco.
Ma vaffanculo. Credo che, negli anni 60, alla vigilia di un Genoa-Vattelapesca, magari sarebbe scappato di nascosto dall'albergo e avrebbe disobbedito all'allenatore per tirare l'alba con De André e la sua banda di amici, cosa che un Cristiano Ronaldo non farebbe mai.
Poi è vero che probabilmente il suo livello culturale non gli consente di capire perché Faber è grande, non gli consente di andare al di là delle emozioni epidermiche, ma intanto tira tardi con lui e il giorno dopo finisce sui giornali.
 
Credo anche che l'eco esagerata delle tante cazzate fatte da Balotelli sia servita a un certo mondo di persone che hanno l'ossessione della cravatta e un cuore a forma di salvadanaio per esorcizzare le loro frustrazioni attraverso un esempio negativo.
In un'Italia di tanti anni fa si dice che il successo di Mike Borgiorno fosse dovuto al fatto che, guardandolo, quasi tutti gli Italiani si sentivano più intelligenti di lui (non conoscevano Brenzini, però).
 
Insomma, mi è diventato simpatico.
Passerei più volentieri un week end con lui che con un pretino alla Delpiero, un buzzurro alla Buffon o una massa enorme di campioncini astemi, disciplinati e prevedibili.
E la scenetta di una drammatica partita di coppa (mi pare) in cui l'Inter attacca e Balotelli, in ginocchio, vaga lungo la linea laterale per cercare la sua lente a contatto, con Murinho infuriato che mima di dargli un calcio nel culo, è una scenetta indimenticabile.
 
Ciò non toglie che nel Genoa attuale tecnicamente non credo che aggiungerebbe molto.
E priverebbe Criscito della gloria dei rigori.

Risposta al post di Papillon scritto il 16/09/2020 - 18:31
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto