Re:Re:Pjacare

Soldi, zero.
Anche i top club italiani tendono ad acquistare giocatori a parametro zero, anche perché i giocatori di un certo livello, che hanno giocato in club importanti hanno ingaggi fuori portata.
In pratica se uno va via dal Barcellona o dal City deve necessariamente approdare in uno dei 7/8 club che può permettersi ingaggi simili.
Lo scandalo di Pinamonti non sta tanto nei 18 milioni di valutazione, ma nei 3 milioni annui netti di ingaggio (che poi, fra l'altro, giustificano un valore di mercato teorico elevato). Ma evidentemente esiste una qualche cosca molto ben oliata tra Raiola e il settore giovanile interista, non da ora, ma da almeno 10 anni.
Porre fine a certe pratiche finanziarie e tornare al mercato dei buoi dove comperi solo se hai i soldi in mano è molto difficile. Nuove norme, nuovi espedienti. Inltre le norme le fanno quegli stessi che vivono di espedienti e fanno parte integrante del sistema.
 
La Uefa e la Fifa spingono per campionati coi playoff/playout finali. E prima o poi ci arriveranno.
A noi guardiani della tradizione sembra l'ennesimo sacrilegio. Però, in questo calcio dove i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri più poveri, e un Leicester può succedere solo una volta su 100, potrebbe essere l'unica speranza di raggiungere la stella.
L'idea che anche la squadra arrivata decima si giochi lo scudetto, magari contro le grandi che a giugno cominciano a sentire la ruggine delle partite champions, deve fare paura a Juve e Inter, non certo a noi.
E se ci sarà quella riforma, molto cambierà anche in termini di squilibri finanziari.

Risposta al post di Grifondoro70 scritto il 16/09/2020 - 15:27
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto