VACANZE TRA I DUE BAOBAB

Autore: 
delcu

A Malindi è la stagione in cui cinque minuti fa pioveva e tra cinque minuti ci sarà un sole meraviglioso.
Il campo dei due baobab è tutto fango ed erba che ricresce dopo la grande siccità.
Tra pochi giorni la scuola chiude e iniziano le ferie di agosto.

Ferie che qui nel sud del Kenya non significano trolley alla mano e biglietti di treni o aerei, cataloghi di agenzie o anche solo pensioncine sul mare a Loano e appartamenti vacanze a Cogoleto.
Qui al massimo se c’è una nonna che ha la capanna a Langobaya, 50 chilometri nell’interno, sulla strada per la savana, toccherà spendere una manciata di scellini (due o tre euro) per il “matatu”, il pulmino collettivo che arriva fino a laggiù.
Per i ragazzi della Ganda Primary School la vacanza ideale è potersi allenare tre volte alla settimana anche di mattina e partecipare ai tornei di calcio. La Real Malindi ormai non è più solo l’accademia di calcio ed istruzione che grazie ai Gir e agli amici e lettori del sottoscritto riesce a far studiare 23 ragazzini dai 7 ai 12 anni, ma una serie di team diretti da coach Badili, dall’Under 9 all’Under 16 e ora anche la squadra femminile.
Agli scolari della Ganda Primary si uniscono anche ragazzi di strada, giovani con problemi in famiglia e ragazzine che giocando a calcio esorcizzano le problematiche della condizione femminile che da queste parti sono ancora molte.
Nella Contea di Kilifi, di cui Malindi fa parte, c’è il record di gravidanze precoci di tutto l’Est Africa e finalmente se ne sono accorte anche le istituzioni. Fare gruppo e sensibilizzare è nostro dovere e lo stiamo facendo.
Intanto la Real Malindi cresce: Joseph il capitano, Kalama, Baraka, Jimmy, Simon (il più bravo a scuola) e gli altri si applicano e cercano di non sfigurare, quando incontrano le altre squadre della città in cui l’elemento fondamentale non è andare bene a scuola, ma dribblare ed entrare duro nei contrasti. E anche le ragazze ci mettono l’anima, tanto che il portierino qualche giorno fa in un contrasto si è fratturata la tibia. Ospedale, fasciatura cure per sgonfiare la botta e ieri finalmente abbiamo messo il gesso. Ormai non siamo più una ventina, allo stadio dei due baobab ogni sabato arrivano a centinaia. Badili fa le squadre, educa, impartisce lezioni di calcio e di vita.
Come fai a dire no ad un uomo del genere che dedica gran parte del suo tempo ai ragazzi meno fortunati? Che poi la sua fortuna consiste nell’avere un campo agricolo e qualche mucca, nel potersi permettere una stanza nella casa di famiglia in cemento, con i fratelli.
Lui sa bene che una delle sue Under o la squadra femminile potrebbe essere mantenuta per un anno con una multa per velocità della Porsche di una qualsiasi mezzala di serie A, o con mezzo minuto dello stipendio di De Ligt. Così va il mondo, inutile rimuginarci su, qui siamo abituati a sorridere e rimboccarci le maniche. E contare su chi ha poco e quel poco lo divide.
D’altronde c’è sempre bisogno di qualcosa, qui, non si finirebbe mai. Per quello in tanti hanno paura di iniziare. La scorsa settimana abbiamo festeggiato l’arrivo degli aiuti annuali del Volley Genova VGP, ormai una certezza dai tempi delle rette scolastiche a Maxwell, il portiere del Genoa Malindi che oggi ha un lavoro stabile e fa carriera, e gioca a livello amatoriale.
Speriamo arrivi qualche altra donazione: ad agosto ci sono anche le ferie di chi ha il trolley in mano e un biglietto aereo in tasca, di chi ha in mano quel catalogo e verrà in questi luoghi in cui in primo piano, sul palcoscenico della vacanza c’è il paradiso, con le bianche spiagge, gli atolli corallini, la savana e la natura selvaggia e dietro le quinte, un po’ nascosti e polverosi, tra il fango e i baobab, tra capre e nuvole, cielo e terra, ci siamo noi.

Commenti

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo stile preferito per la visualizzazione dei commenti e clicca "Save settings" per attivarlo.

Contributo

 
Ciao Davide!
Grazie della tua disponibilità.
Puoi scrivermi a info@malindikenya.net e ti rispondo volentieri.
Freddie
 

Malindi

Ciao sono un nuovo iscritto ai GIR
Mi farebbe piacere contribuire a questa splendida iniziativa mi puoi dare indicazioni? Grazie ciao
Davide

grande Freddie, sempre uno

grande Freddie, sempre uno spaccato di realtà e verità in mezzo a noi che non sappiamo piu ormai cosa sia

Real Tà

Ma come?!?
Certo che sapete ancora cos'è la realtà, e anche il suo nome!
La realtà si chiama Pinamonti, il nuovo Piatek!
un abbraccio africano
 

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo stile preferito per la visualizzazione dei commenti e clicca "Save settings" per attivarlo.