Il Muretto

Per inviare un messaggio sul muretto devi essere un utente registrato e cliccare qui.
L'utilizzo del muretto e' vincolato al rispetto di alcune semplici regole.

 

 

Vita di un Commesso Genoano

"Siete Voi la rovina del Genoa ancora dietro a questo allenatore"

Questa frase nel bel mezzo delle occasioni spezzine nella sprofondamento mentale su un divano una volta candido,ha sancito la prima grossa rottura tra Genoani Generazionali.

Non si tratta di essere stato rimproverato perché i giovani di oggi non avranno la pensione che noi vecchi forse avremo a 67 anni,non si tratta di disquisire su uno Zan affossato dai sinistroidi radical chic,non di un pugno nello stomaco che notoriamente fa meno male delle parole,ma di una visione diversa di una tipica situazione critica.

 

Per 10 lunghi minuti mi sono sentito come Willy Loman,quando Biff suo figlio,gli ricorda il suo passato e le sue gesta nel'immarcescibile capolavoro di Henry Miller.

 

Vaglielo a spiegare che andare a New York come nel caso di Biff,equivale a tornare dalla ottava provincia toscana,con un meno 4 in classifica e scontro diretto a sfavore.

 

 

Il proverbiale posteriori del Balla,oggi il peggior allenatore del Genoa,ma il migliore allenatore possibile del Genoa fino ad Empoli,ha rimandato la contesa fino alla prossima diaspora,sperando che Willy non ceda e fugga via dalla sua sfrontatezza e inesperienza.

 

Nella Terra di Mezzo che noi Genoani ci troviamo da sempre,sembra che l'ombra famelica della bandiera a stelle e strisce ci abbia fatto dimenticare di smuovere le macerie che il Giocattolaio  ha lasciato dietro di sè.

 

Sono talmente tante e pesanti,hanno invaso strade e menti,che non ci preoccupiamo di doverle toglierle dalla carreggiata,pensando sempre che lo debbano fare gli altri, i nuovi inconsapevoli e innocenti arrivati.

 

Convivere con il fardello Preziosi durato la bruttezza di 18 anni,non è come passare dalle braccia di Juliette Binoche a quelle di Charlize Theron.

 

La mediocrità è il nostro ineluttabile mare da lustri e sfociare nell'Oceano,ammesso che si possa solo vederlo,non è la garanzia di navigare a gonfie vele.

 

"Non credo di poterti sopportare per più di 5 minuti"urlò una genoana dei Distinti tatuata come un carcerato nei confronti del condannato a morte Biraschi.

 

"Siamo più vicini alla Stella",mi scrisse un amico quando mi annunciò il passaggio ai 777.

 

E quando li vidi dal vivo contro il Verona pensavo fossero la riproduzione vivente dei mitici Condom della nostra Gioventù.

 

L'equilibrio non è una dote di tutti e l'ascensore dell'umore genoano ci mette poco a portarti dal piano dell'Attico a quello del Garage.

 

Fossi nella testa di ogni malato di Genoa,ricorderei loro che "Il Genoa ha un Dio tutto suo",che occorre avere ancora fiducia in chi ci ha tolto dalla bratta tante volte in condizioni anche peggiori, di non ripetere l'insano gesto finale di Willy,in quanto è bene ricordarlo,il mutuo Preziosiano lo abbiamo pagato salato e a tassi altissimi,senza che la sua famiglia poté beneficiare dei tanti sacrifici fatti in passato.

 

Ianna

Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Sicuramente darei via Bianchi e potendo anche Ekuban.
Ma il buon Bianchi non libera spazio in lista e quindi è una cessione poco utile per fare mercato in entrata.
Questo detto Eldor che stia a Roma dal suo idolo Mou, ben comodo a fianco di El Shaarawy.
Il punto però è che Eldor, con Caicedo e Destro mi sembra un giocatore poco funzionale.
Poi bisogna anche stringere un pò il campo dei moduli e cercare di proseguire da lì.
Fino a Lunedì ti avrei detto 4-4-2/4-3-3 e variazioni sul tema, onestamente senza Fares fino a Dicembre fatico a dire che andrei avanti su questa strada.
Probabilmente, per esclusione, farei una sorta di 4-1-3-2 con Badelji davanti alla difesa e un centrocampo tipo Behrami, Galdames e Rovella. Con Touré ed Hernani riserve.
Giocandomi una staffetta Caicedo-Pandev al fianco di Destro almeno inizialmente.
E di conseguenza sul mercato prenderei 2 giocatori che ballano sulla trequarti: uno più simil Barak e uno più simil Pandev che più o meno potrei aver individuato in Miranchuck.
In tutto questo, capisco che Ballardini sia in confusione, noi qui che cazzeggiamo con i calciatori tipo videogames non riusciamo a trovare una quadra o cambiamo linea ogni 2-3 giorni.

Risposta al post di Jena scritto il 28/10/2021 - 10:08
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Dici che uno potrebbe essere il ritorno in prestito di Eldor che a Roma sta poco più che portando le borracce mentre qui almeno potrebbe rivelarsi utile sia come giocatore che 'eliminando' dalla rosa Ekuban, Kallon e Bianchi? Del tipo, prendi uno togli tre...Wink

Risposta al post di mashiro scritto il 28/10/2021 - 09:20
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

A proposito di cantare l'inno e di essere genoani, segnalo questa bella intervista che mi ha mandato Mister No su altri canali a Cambiaso.
https://www.cronachedispogliatoio.it/altre-cento-volte-per-essere-qui-an...

Risposta al post di Grifondoro70 scritto il 28/10/2021 - 01:40
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Ecco io questa cosa me la aspetto: a questa squadra non servono tantissimi calciatori per togliersi da ogni rischio ma 3-4 calciatori funzionali che impattino subito e alzino l'asticella si.
E quelli me li aspetto, anzi su quelli ci conto.
Altrimenti altro che sensi da ragno.

Risposta al post di Grifondoro70 scritto il 28/10/2021 - 01:53
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Ciao Grifondoro,
mi intrometto solo per sottolineare una cosa. In uno dei miei tanti post anonimi avevo scritto che a mio modesto parere ritenevo imperativa la presenza di un DS con pieni poteri (veri) che si potesse sedere con il tecnico ogni giorno e discutere le scelte ed i problemi con lui in maniera da poter intervenire sullo spogliatoio e, se necessario sul tecnico stesso. E che questo ruolo fosse imprescindibile e necessario immediatamente. Aggiungendo che una proprieta' ambiziosa e finanziariamente capiente e capace non avrebbe avuto problemi a trovare il profilo giusto tra i vari "liberi" (ne avevo anche fatto un piccolo elenco) ed a convincerlo. Ricordo che tu avevi risposto dicendo che tutto sommato non era cosi' urgente e che anche Maroccu sarebbe andato bene.
Oggi alla fine del tuo post di fatto vieni nel mio carruggio. E ne sono felice visto che ritengo che tu ne capisca molto piu' di me. 
Alla fine pero', dopo un lungo giro, torniamo sempre ad un'unica considerazione: le difficolta' dell'allenatore sono direttamente proporzionali alla qualita' della dirigenza e proprieta'. Oggi nel Genoa di fatto non esiste neppure la proprieta'. E' una sorta di limbo in cui vagano le anime di giocatori e staff tecnico abbandonati a se stessi. Le parole di Berhami e Criscito stanno li a dimostrarlo. 
Prova ad immaginare per un momento di essere il manager di un ufficio, in qualsiasi professione a te piu' confacente, dove la vecchia proprieta' ha formalmente ceduto ma non ha ancora definito la cessione. Dove i nuovi proprietari si aggirano per l'ufficio ma non parlano ai dipendenti e, probabilmente, neppure con te per motivi di rispetto degli accordi di cessione. Dove il vecchio responsabile del Personale si e' dimesso ed e' stato rimpiazzato pro tempore da un suo impiegato che ha come unica funzione quella di svolgere le normali attivita' burocratiche (registrare i cartellini, i certificati di malattia). Tu hai uno staff in ufficio composto da un numero consistente di impiegati prossimi alla pensione, qualcuno addirittura gia' pensionabile che pero' resta per accumulare ancora un anno di contributi. Da impiegati neo assunti che ritornano al lavoro dopo uno o due anni di parziale inattivita' e buon peso da un paio di stranieri che ancora devono imaprare la lingua ed il modo di lavorare nel tuo paese. Di gente costantemente in malattia, anche per un leggero raffreddore,  e da giovani appena usciti dalla scuola, magari con ottime referenze, che andrebbero formati da impiegati piu' anziani ed esperti e che invece, in mancanza di questi ultimi, devono essere loro a sbrigare il lavoro nei loro reparti. Il resto formato da gente che sa gia' che a fine contratto sara' a spasso e che quindi trascorre le giornate lavorative a girare per l'ufficio con il classico foglio A4 in mano. Come ti sentiresti a far viaggiare un ufficio del genere? Poi magari arriva qualcuno che fa un altro lavoro, non conosce le dinamiche interne del tuo ufficio ma ti bolla come "confuso" al meglio o peggio come "non ci capisci un c**zo" o "incompetente" da licenziare ieri...
Tornando al calcio; credo nello stesso post di prima avessi anche sottolineato il fatto che in altri tempi e altre societa' in una situazione analoga a quella di Salerno sarebbero scesi negli spogliatoi medico e DS ed avrebbero detto a Destro: "Caro Mattia, sei l'unico attaccante professionista che abbiamo oggi in lista. Questa partita e' importantissima per noi. Quindi adesso il dottore ti fa un'infiltrazione e tu giochi almeno un tempo, magari senza forzare troppo, ma lo giochi. A fine primo tempo valutiamo. Poi hai due settimane per recuperare...". Questo Ballardini non lo poteva fare, Faggiano (faccio un nome) si. A mio modesto parere la differenza sta tutta qui...
FORZA GRIFONE

Risposta al post di Grifondoro70 scritto il 28/10/2021 - 01:40
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

imprenditori capaci ed economicamente capienti che entrano ad ottobre non retrocedono a giugno, e neppure rischiano la B, perchè i problemi di sopravvivenza li risolvono prima

Ecco, questo mi preme sottolinearlo, va bene il closing, va bene anche ipotizzare che abbiano la freddezza di chi sa di calcio più del semplice tifoso emotivo, ma, tanto per ricordare un recente proprietario quando ancora i suoi obiettivi coincidevano con quelli del Genoa, quando davvero si rischiava la C nel campionato del ripescaggio, a Gennaio arrivarono Stellini, Gargo, Gemiti, Milito, Comandini, Rebecchi, Giovanni Tedesco,Thiago Pimentel, Foglio, Budel e Scarpi, e ne dimentico sicuro.
A suo modo, confusionario, ma così reagisce un proprietario nel momento in cui capisce che ciò che si era prefissato di fare a Giugno rischia di finire in una bolla di sapone, pregiudicato dall'infausta conclusione del campionato in corso.
Quando ti accorgi che il tuo progetto tanto ben pianificato rischia di non vedere la luce, attivi immediatamente le contromisure, se non lo fai è perchè quel progetto di investimenti immediati per un altrettanto immediato innalzamento dell'asticella non esiste e altro non puoi fare che incrociare le dita per non finire come il Parma e sperare poi di fare un progettino di galleggiamento, per virtuoso e improntato al calcio che sia, stile Bologna.
 

Risposta al post di Namaskàr scritto il 28/10/2021 - 01:11
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Io so che sono in minoranza, e non ho nulla contro Rovella, anzi, mi è venuto il magone l'altra volta quando ho notato che sia lui che Cambiaso all'ingresso in campo cantavano l'inno, penso anche che sia cresciuto fisicamente rispetto all'annata scorsa quindi è un giocatore che nel gruppo ci sta tutto, col Toro ha salvato un goal fatto con un recupero in scivolata, ma credo che oggi come oggi sia esattamente come ai tempi in cui ci dicevamo "quando Marco Rossi è il migliore del Genoa...".
E' la stessa cosa perchè quando il Genoa faceva ridere il giocatore che saltava agli occhi, anche se non faceva nulla di meglio dei compagni, era quello che correva fino a perdere palla, poi la rincorreva fino a riconquistarla, per poi correre di nuovo e riperderla.
Rovella è la stessa cosa, corre per proporsi, trattenere palla e toccarla in maniera del tutto banale, per poi di nuovo correre a proporsi e nuovamente fare una giravolta, cincischiare e scaricarla facile, tutta roba appariscente in mezzo a compagni in larga parte fermi, ma del tutto inefficace, anche i corner sono palombelle che raggiungono altezze siderali.
Tra l'altro dopo il Toro Ballardini ha dichiarato che il suo ruolo è il regista, e che ti fa subito dopo? Lo rimette mezzala, di nuovo con Badelj.
Da lì si capisce che, se lo schiera non nel ruolo congeniale, significa che pensa che ci sia uno più forte in quel ruolo, Badelj, ma se si ostina a inserirlo è perchè, ed è questo il punto, considera Rovella, nel ruolo a lui non congeniale di mezzala, più forte di tutti quei giocatori che sono stati presi per ricoprire tale ruolo, Tourè, Hernani, Galdames, ed è già semplicemente su questo che dovrebbe intervenire un dirigente tecnico, per farlo ragionare su tale assurdità o per metterlo alla porta se insiste con tale opinione che sconfessa praticamente mezza campagna acquisti, e che non ha nemmeno il conforto del campo e dei risultati, un delirio e stop.

Risposta al post di edoardo777 scritto il 28/10/2021 - 01:19
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

addirittura Rovella che non è tuo
 
Non ho niente contro Rovella, che è un ragazzo che si impegna e che tecnicamente ci sta tra i quattro o cinque migliori centrocampisti in rosa.
Ma vogliamo parlare dello spessore di questo benedetto centrocampo che a Spezia, uscito Behrami e calato Badelj, è letteralmente evaporato?
 
Rovella corre di qua e corre di là, si fa dare palla tra i piedi, spesso addirittura intralcia chi la sta calciando, ma non gioca mai di prima o a due tocchi.
In termini di tempistica, nel palleggio o in uscita, significa molto.
 
Se poi ci metti vicino un Touré, che gioca sempre di prima e quando imposta uno scambio non la riceve mai indietro perché l'altro sbaglia lo stop o prova a portarla, la stonatura è evidente. Ma la gente dà del brocco a Touré, non a Cincischielli.
 
L'apporto di Rovella come play basso è migliore perché il play basso è l'unico ruolo del centrocampo che consente di tenere palla tra i piedi un po' più a lungo e pensare.
(Aspetto sempre con ansia di vedere finalmente un centrocampo. Galdames, Badelj, Touré).
 
Ma se stiliamo la lista dei giocatori titolari incapaci di giocare di prima o a due tocchi si capiscono molte cose.
Kallon, Biraschi, Bani, Sturaro, Behrami, Cambiaso, Ghiglione, Fares. E ci possiamo aggiungere Pandev, non per incapacità ma per mentalità, e volendo anche Ekuban che, poveretto, ci prova invano perché la palla che vorrebbe scambiare non è riuscito a controllarla.
Il manuale del calcio dice che se non avanzi con triangoli e scambi ti rimane solo la soluzione di un bel calcione in avanti, vada dove vada.
 
Ballardini è fortunato a non avere i capelli, così non ci può infilare le mani per disperazione. Le tiene in tasca e con quel che passa il convento calcola quanto gli conviene investire l'ingaggio in bitcoin.
Mica puoi fare poesia con gente simile.
Come direbbe il Professore: "Io non faccio poesia, io monetizzo".

Risposta al post di Grifondoro70 scritto il 27/10/2021 - 21:50
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Certo, nessuna cambiale in bianco a nessuna dirigenza!
È vero che la venuta degli americani è stato un xxv aprile.
Si sono presentati con stile e con parole opportune.
Bene. Ma da quel momento in avanti conteranno i fatti.
Esiste un vizio di fondo del genoano medio che, venendo da decenni di esperienze negative, vede chi arriva come il messia.
Anch’io vedo anomalie e forme di continuità con la precedente gestione, che, di fatto, sta procedendo nel tempo.
Rovella gioca sempre perchè in questa fase è necessario in quanto Badelj è in forma non sufficiente o perchè deve giocare per accordo con la Iuve?
Nelle mission di quella perla dell’ex proprietario, il Genoa costituiva anche una buona società di servizi per altre società, in particolare la iuve. La cosa è certamente ancora in corso e il fatto non mi stupisce.
Mi stupirebbe invece se, dopo le belle parole iniziali e le volontà espresse di “riportare il Genoa nella dimensione che spetta a questa società ed al suo pubblico, Rovella o, domani,un nuovo Rovella, continuassero a DOVER giocare per esigenze altrui.

Personalmente in questo frangente sono disposto ad attendere perchè posso ipotizzare tempi di chiusura, fasi di transizione, per i motivi che ho scritto nel post precedente.
Ma imprenditori capaci ed economicamente capienti che entrano ad ottobre non retrocedono a giugno, e neppure rischiano la B, perchè i problemi di sopravvivenza li risolvono prima.
Diversamente sono dei mediocri,magari migliori del “migliore del dopoguerra”, ma comunque mediocri. Come gli americani del Parma.
Per cui, concludendo, riguardo le anomalie che ti “fanno scattare i sensi del ragno” Laughing out loudLaughing out loudLaughing out loud , spero siano solo frutto di un pó di sana diffidenza genovese e genoana e che invece non risultino segnali premonitori!

Risposta al post di Grifondoro70 scritto il 27/10/2021 - 21:50
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Mandragora credo si sia frantumato un ginocchio, di nuovo, Forestieri non è rimasto 3 anni da noi quindi non vale, Salcedo è un 2001 dunque fuori lista. Smile
Con Perin per Sirigu guadagni un calciatore over, anche se siamo al fantacalcio.
Sarebbe più comodo(e fattibile) uno tra Zima, Vodisek e Lamanna al posto di Andrenacci...
El Sharawy a Roma prende credo come Caicedo da noi.
Sampirisi, per fortuna, come Forestieri non è rimasto abbastanza.Al massimo Renzetti o Cofie. Laughing out loud
Comunque è un fattore da non trascurare troppo.
Il Genoa è con le liste piene e cedere Sturaro o Ghiglione non serve per mettere dei rimpiazzi, salvo non inserire calciatori dal 2000 in giù(o dal 1999 ne avevamo scritto in estate)

Risposta al post di edoardo777 scritto il 27/10/2021 - 21:07
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Destro è micidiale sottoporta, ma è molto carente in fase di partecipazione al gioco. Il tridente di ieri, avesse avuto Caicedo come terminale sarebbe stato meno peggio, perché i due che corrono a vanvera sugli esterni, con una boa che protegge palla e fa salire possono venire bene anche se non sanno giocare a calcio.
Ieri sarebbe bastato limitare il cambio a Ekuban per Biraschi, portare Cambiaso nel tridente e aspettere il 70mo per provare a cambiare l'inerzia della partita, giusto con l'ingresso di Pandev e Caicedo e un lieve cambio di modulo. Oppure mettendo Sturaro per Kallon e avanzando Galdames alla trequarti.
 

Risposta al post di Grifoncina84 scritto il 27/10/2021 - 22:43
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Idem, non sono contro il calcio pragmatico però quest'anno anche la difesa, che di solito era il punto forte delle squadre del Balla, fa acqua da tutte le parti.
Paradossalmente direi che ieri la formazione messa in campo da Ballardini era abbastanza equilibrata ma, dopo i cambi, abbiamo cominciato a subire tantissimo. E' successo l'esatto contrario di quello che era successo nelle partite precedenti!
Aggiungo una cosa, quando c'è Caicedo in campo, io vedo un Genoa più propositivo anche in attacco, io spero che presto possa giocare 90 minuti perché altrimenti il povero Destro non può fare più di tanto da solo.

Risposta al post di layos scritto il 26/10/2021 - 23:02
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Ballardini questo è , e questo è sempre stato, chi ha visto qualcosa di diverso in passato è perché si è fatto influenzare dal risultato,  stesso criterio che ha influito in negativo sul giudizio nei confronti di Juric.
Resto dell'idea che se si vuole salvare il culo con la rosa attuale, mai come quest'anno si deve proseguire con lo zio , se invece viene definito in tempi brevi (entro metà novembre) il nuovo DS àllora opterei subito per il cambio dell'allenatore che in questo caso dovrebbe già essere quello individuato per la rinascita e non un traghettatore , in modo che il mercato di gennaio non sia solo  un mercato di riparazione, ma già un'anteprima di quello di fine stagione, da concordare già con il prescelto.
P.s. era un po' che non andavo allo stadio, ieri sera ho salutato qualche vecchia conoscenza, ma ho notato con piacere un bel cambio generazionale, ragazzi che con grande passione stanno portando avanti la Nostra Fede.
GRANDI !

Risposta al post di Namaskàr scritto il 27/10/2021 - 20:24
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto

Re:Re:Spezia 1 - Genoa 1

Ciao, intanto è sempre un piacere leggerti, e concordo che il discorso Ballardini sia totalmente dipendente da ciò che avviene sopra la sua testa.
Siamo, in tutta evidenza, in un, pericoloso, aggiungo io, regime di ordinaria amministrazione.
Questo ricade certamente sulla gestione, o supervisione, tecnica di tutta la situazione del gruppo squadra.
E una volta sbloccata la situazione ci sarà da capire la reale capienza dei nuovi proprietari.
Perfetto.
Mi viene allora da aggiungere qualche altra riflessione.
Riguardo alla disponibilità degli americani, sia le loro dichiarazioni, che il continuo darsi di gomito, con sorrisi di godimento, tra i cosiddetti beninformati, che poi potrebbero saperne tanta come me, ha creato, mi viene da dire, un primo immediato danno tecnico: parlando di ambizioni di un certo tipo si è subito, come dice Edo, chiarito che il tecnico è un avvicendato che cammina, ma non solo, c'è buona parte della rosa che a questo punto ha già capito che è all'ultima cavalcata, alcuni vanno verso il ritiro, altri verso lo sbolognamento, paradossalmente, se fosse arrivato Scerni potrebbero invece tutti pensare che l'avventura, il bengodi dal loro punto di vista, continua.
E allora, una situazione così, come può essere lasciata a se stessa?
Altra cosa, i nuovi acquisti.
Diciamo che ci possono essere stati conti e favori da saldare da parte del vecchio proprietario, ma non è possibile ipotizzare che certi giocatori non siano stati approvati dalla, al momento oscura, area tecnica americana, e come è possibile, come prima cosa, non tutelare quello che è a tutti gli effetti il primo vero tangibile investimento fatto? Se questi fanno calcio da anni e anni sanno che un giocatore, penso a Tourè e Vazquez tra gli altri, abbandonato nelle grinfie di un allenatore che non lo conosce, e alla gerarchia consolidata nello spogliatoio, non ha alcuna possibilità di rendere, a contatto con la squadra ci deve essere l'uomo che li ha portati.
E chi c'è? Taldo, uomo di Preziosi. Posto che da sempre Preziosi i giocatori li ha abbandonati al Pio fregandosene, e quindi, anche se fossero giocatori di Preziosi, non vedremmo prendere provvedimenti, il dato di fatto è che non li sta prendendo nessuno, e la cosa preoccupa.
In America, quando una franchigia cambia proprietario, e non potrebbe essere altrimenti, in pochissimo tempo cambiano tutto il personale, dai dirigenti al coach, è una prassi, qui sento parlare di Marco Rossi alla vicepresidenza dopo il closing, altro uomo di Preziosi, vedo Taldo a gestire il nulla, vedo Sturaro, Biraschi, addirittura Rovella che non è tuo, e compagnia, sempre privilegiati rispetto ai nuovi innesti.
Vedo, in una situazione non proprio semplice, che non c'è un uomo che sia uno dei nuovi proprietari a contatto con la squadra, ma come, ci fosse da toccare il tempo a qualcuno, o anche solo da mettersi a disposizione di tecnico e giocatori, che senso ha che questi vedano gente che rappresenta chi ha le valigie in mano e nessuno di quelli che comanderanno?
Blasquez non perde una partita, ma nemmeno Beniamino Anselmi le perdeva, come è possibile che anche in questo stallo dettato dall'ordinaria amministrazione non ci sia a contatto diretto, agli allenamenti, a viaggiare col gruppo, uno che rappresenta chi prenderà a breve tutte le decisioni?
Ci sono anomalie che personalmente mi fanno scattare i sensi di ragno Smile

Risposta al post di Namaskàr scritto il 27/10/2021 - 20:24
Accedi per partecipare alle discussioni sul muretto